Lungavilla e l’Oltrepò Pavese

 

Lungavilla è un comune della piana dell’Oltrepò Pavese, terra di argille e di nebbie, che svaporano dal Po, disposto a nord, a segnare il confine con Lomellina e Pavese. A sud la piana dell’Oltrepò Pavese si congiunge alle pendici delle colline sulla quale prospera la vite. Gianni Brera amava rappresentare la provincia di Pavia come una terra a forma di grappolo d’uva. Di questo grappolo l’Oltrepò è la parte terminale, una “terra di mezzo” annidata fra Piemonte, Emilia, Liguria e Lombardia.

Le terre di mezzo sempre posseggono il fascino della diversità. Una diversità che nel caso dell’Oltrepo si ritrova non soltanto nella sua lingua (il dialetto) e negli scorci dei suoi paesaggi, ma anche nelle tradizioni gastronomiche e nelle coltivazioni agricole: vite e frutta sulla collina, erbe da foraggio e ortaggi in pianura.

Per lungo tempo Voghera, che dell’Oltrepò è il centro maggiore, con il suo mercato e le sue campagne fu un centro d’eccellenza nella produzione delle colture ortive, tanto che una delle varietà selezionate nelle campagne del comprensorio – il peperone di Voghera – divenne simbolo stesso della città.