La süca däl capê

 

In ti cämp, ört, ciúveind, e büslă

äla prima sœbia d’april, ill’andĕvan ä sümnă

Pär la só fürma particúlar, dal chi’ndrĕ

i cüntadĕi, il’la ciamevan, la süca däl capê.

La süca däl capê (Berrettina) l’è una büntà

ürmai in Italia, l’è pù una nuvità.

Da tüt i part ä la so festa ill’a vegnàn a mangià

anca al Papa a Ruma, all’avrà sagià.

L’è böna in tüt i manèr da cusinà, da fa rustì,

in tal mnastròn, cœta cün la sa, da mangià insì.

In tal nüsat, da fa i türt ad süca, i färsœ cün süca e rìs.

Ièn tüt büntà, d’älcàs anca i dìd.

 

La zucca dal cappello

 

Nei campi, orti steccati e siepi

al primo giovedì di aprile andavano a seminarla.

Per la sua forma particolare, negli anni passati

i contadini, la chiamavano, la zucca dal cappello.

La zucca dal cappello (Berrettina) è una bontà

oramai in Italia, non è più una novità.

Da tutte le parti, alla sua festa, vengono a gustarla

anche il Papa a Roma, l’avrà assaggiata.

É buona in tutti i modi, da cucinare, arrostita,

nel minestrone, con il sale, da mangiare così.

Nel nocetto, nelle torte di zucca, nelle frittelle con il riso.

Sono tutte bontà da leccarsi anche le dita.

 

Dario Angelo Campari